Il mio motto è RIPARARE

rivendicazioni motto informaticanapoli riparazioni

Il mio motto è RIPARARE

Perchè acquistare sempre oggetti nuovi se possiamo ripararli?

Possiamo provare a ripararli da soli oppure affidarci ad un artigiano o un’azienda. L’importante è provare a rigenerare prima di gettare via e ricomprare.

Ecco il mio pensiero:

– Riparare è meglio che riciclare;
– Se le cose durano di più migliora l’efficienza dello sfruttamento delle risorse ed è economicamente più vantaggioso rispetto all’estrazione delle materie prime grezze;
– Riparare fa bene alla Terra;
– La terra ha risorse limitate e non è possibile sostenere una crescita costante della produzione;
– Il miglior modo per aumentare l’efficienza è riusare ciò che già abbiamo!
– Riparare le cose, specie se da soli, fa risparmiare denaro;
– Riparare spesso costa meno che comprare cose nuove. Se ripari le tue cose risparmi un bel po’ di grana;
– Riparando da soli si impara a conoscere la tecnologia;
– Il miglior modo per capire come funziona una cosa è smontarla!
– Riparare ti fa conoscere le cose che hai;
– Riparare rende orgogliosi delle cose che si hanno;
– Riparare dà un’anima alle cose e le rende uniche;
– Riparare rende indipendenti;
– Riparare stimola la creatività;
– Riparare è divertente;
– Riparare fa risparmiare soldi e risorse naturali.

Pertanto rivendico il diritto:

– di aprire e riparare le nostre cose senza che questo invalidi la garanzia;
– di avere apparecchi che siano apribili;
– di avere istruzioni e diagrammi che siano utili a risolvere i problemi;
– di avere documentazione per riparare qualsiasi cosa;
– di poter scegliere il nostro tecnico riparatore;
– di poter togliere gli adesivi con su scritto ‘non rimuovere / do not remove’;
– di poter riparare le cose a casa nostra;
– di poter sostituire il materiale di consumo da noi stessi;
– di avere hardware che non ha bisogno di attrezzi speciali per poter essere aperto e riparato;
– di avere accesso a pezzi di ricambio a prezzi ragionevoli;

Carlo – InformaticaNapoli

 

logo informaticanapoli senza scritta